Il prognatismo, dal greco pro, “davanti” e gnathos, “mascella”, è una deformità dentofacciale di varia causa (sebbene con una grande componente genetica). Questa malformazione è caratterizzata dalla presenza di una discrepanza anteroposteriore tra la mandibola e la mascella, ovvero entrambe le strutture ossee sono disallineate tra loro.

Sommario:

  1. Cos’è il progenismo?
  2. Quali sono le cause del prognatismo e come viene diagnosticato?
  3. Cos’è lo pseudoprognatismo o l’ipoplasia mascellare?
  4. Come viene trattato il progenismo?
  5. La terapia ortodontica come parte integrante del trattamento della malocclusione di terza classe
  6. Perché dovrebbe essere trattato il prognatismo mandibolare?

Cos’è il progenismo?

Nei casi di prognatismo mandibolare, la mandibola è sovrasviluppata rispetto alla mascella, quindi l’arcata dentale inferiore si estende in avanti oltre la parte superiore, causando una malocclusione di terza classe, nota anche come progenismo. Quando il mento è eccessivamente sporgente e il profilo del volto ha un aspetto a mezza luna si parla del progenismo, detto volgarmente anche “scucchia“.

La malocclusione scheletrica di classe III con mandibola prognatica è una delle deformità maxillo-facciali più gravi, ma è importante sottolineare che è considerata un disturbo solo se interessa la masticazione, il linguaggio o la funzione sociale a causa di un grande squilibrio estetico.

Prognatismo mandibolare causa una

Quali sono le cause del prognatismo e come viene diagnosticato?

Il prognatismo è considerato una malformazione di cause principalmente genetiche, sebbene il livello del disturbo dipenda da vari fattori. Ciò significa che una combinazione di eredità e ambiente può peggiorare o ridurre la malocclusione.

Tra i fattori ambientali coinvolti, possiamo citare le abitudini orali, l’ipertrofia delle tonsille o delle adenoidi, la perdita prematura dei denti decidui, le alterazioni endocrine, i tumori, le lesioni della mascella, ecc.

In base a questi fattori, la malformazione si manifesta in diversi modi:

  • Quando l’osso mascellare mostra una crescita eccessiva anormale (iperplasia mandibolare) rispetto alla mascella, è noto come III classe scheletrica.
  • Quando una mandibola sporgente è il risultato di un problema con i denti, cioè quando i denti non sono allineati tra loro.
  • Quando il paziente ha un mento prominente, può avere un aspetto prognatico, anche se a rigor di termini non si tratta di una malocclusione di classe III.

Il modo più accurato per determinare qualsiasi tipo di prognatismo è l’analisi cefalometrica, in quanto comprende la valutazione della base scheletrica, dell’inclinazione del piano occlusale, dell’altezza del viso, della valutazione dei tessuti molli e dell’angolazione dei denti anteriori.

Grazie a ciò si possono effettuare calcoli e valutazioni che consentono la determinazione oggettiva del rapporto tra i denti e lo scheletro e la determinazione del piano di trattamento.

In aggiunta a quanto sopra, il chirurgo maxillofacciale dovrebbe anche eseguire un’analisi dei tessuti molli, valutando l’angolo naso-labiale, il rapporto tra la porzione di tessuto molle del mento e il naso e la relazione tra le labbra superiori e inferiori.

Diagnosi della malocclusione di terza classe

Cos’è lo pseudoprognatismo o l’ipoplasia mascellare?

Lo pseudoprognatismo, ipoplasia mascellare o falso prognatismo, è una malformazione ossea in cui la mascella superiore non è sufficientemente sviluppata. Nella maggior parte dei casi si tratta di un’anomalia dello sviluppo, sebbene possa anche essere causata da fattori esterni, come l’estrazione di un dente mal pianificata o la mancanza di denti. Nei pazienti con palatoschisi, è una condizione congenita.

Nella maggior parte dei casi di pseudoprognatismo, la mascella è sottosviluppata non solo sul piano antero-posteriore, ma presenta anche difetti sul piano verticale o trasversale, dando un aspetto incavato al terzo medio del viso del paziente, e la mandibola sporge e lo rende molto grande, anche se in realtà è di dimensioni normali.

D’altra parte, alcuni pazienti possono presentare entrambe le malformazioni: prognatismo mandibolare e ipoplasia mascellare. In questi casi, lo sviluppo più debole della mascella porta a un meccanismo compensatorio nella mandibola, quindi entrambe le strutture ossee devono essere corrette contemporaneamente mediante chirurgia ortognatica bimascellare.

Come viene trattato il progenismo?

La modifica della crescita dello scheletro cranio-facciale da parte dell’ortopedia dento-facciale può essere un metodo efficace per affrontare le discrepanze scheletriche delle mascelle di Classe III nei bambini in crescita. Se il progenismo viene diagnosticato in età adulta e a seconda di dove si manifesta, ci sono diverse opzioni di trattamento:

  • Per la classe III, che è solo odontoiatrica, il trattamento indicato è l’ortodonzia, anche se è importante ricordare che un morso crociato funzionale con il tempo può diventare scheletrico, quindi un trattamento precoce è importante.
  • Per un mento eccessivamente sviluppato (prognatismo evidente ma nessuna malocclusione di terza classe), il trattamento consiste nella mentoplastica o nella chirurgia di riduzione del mento.
  • Per la malocclusione di terza classe (progenie) è necessaria la chirurgia ortognatica: Chirurgia bimascellare, quando il chirurgo maxillofacciale deve intervenire chirurgicamente sulle ossa mandibolari e mascellari superiori. Chirurgia monomascellare, quando il chirurgo maxillofacciale opera solo su una delle due strutture scheletriche.
  • Quando lo stesso paziente presenta prognatismo mandibolare e ipoplasia mascellare, il trattamento indicato è la chirurgia ortognatica bimascellare. In questa operazione, la mascella può essere spostata in tre direzioni per compensare i difetti e per segmentarli se è presente un difetto trasversale. La mascella, a sua volta, può essere spinta in avanti o retratta per trovare la mascella nella sua posizione ideale in base alle esigenze del paziente. In questi casi è solitamente necessaria una mentoplastica per ottenere un migliore equilibrio estetico del viso.
  • Quando il difetto mascellare è molto pronunciato con una forte compressione, è necessario prima eseguire una procedura di espansione del palato per correggere il problema trasverso, e poi la chirurgia ortognatica per correggere il problema anteroposteriore.
Ortognatska kirurgija poliklinika smile

Il motivo per cui le procedure correttive vengono eseguite molto più spesso su entrambe le mascelle anziché su una sola è nella maggior parte dei casi estetico. Secondo il piano estetico di riferimento, per ottenere il corretto equilibrio delle caratteristiche facciali del paziente, sia la mascella che la mandibola devono trovarsi davanti alla linea verticale che parte dalla base del naso e va verticalmente fino al pavimento.

Rischi associati alla chirurgia mascellare correttiva

Se si prende in considerazione la chirurgia ortognatica mandibolare, si dovrebbe tenere conto del fatto che esistono fattori di rischio associati a una mandibola retratta. Poiché questo movimento osseo provoca un restringimento delle vie aeree, può causare disturbi del sonno e/o apnea notturna.

La terapia ortodontica come parte integrante del trattamento della malocclusione di terza classe

È importante sottolineare che nella stragrande maggioranza dei casi chirurgici di prognatismo mandibolare o prognatismo di classe III, è necessario eseguire un trattamento ortodontico prima e dopo l’intervento. Nella prima fase pre-chirurgica, l’ortodonzia viene utilizzata per preparare il paziente all’intervento chirurgico quando si sposta la mascella nella posizione pianificata.

Ortognatska kirurgija

Il trattamento ortodontico post-chirurgico mira a mantenere la nuova relazione di entrambe le mascelle raggiunta dall’intervento chirurgico, nonché a regolare i dettagli occlusali.

Questo tipo di trattamento richiede una stretta collaborazione tra l’ortodontista e il chirurgo maxillo-facciale, che deve essere coordinata fin dall’inizio in tutti gli aspetti della diagnosi e del trattamento. Inoltre, il paziente deve essere completamente informato da entrambi gli specialisti prima di iniziare il trattamento.

Perché dovrebbe essere trattato il prognatismo mandibolare?

La caratteristica comune che definisce sia la mandibola sporgente che la mascella retratta è che in entrambi i casi il paziente presenta una malocclusione dentale di classe III. In entrambi i casi i denti inferiori sono davanti a quelli superiori, condizione che crea una certa impressione di ruvidità e aggressività sui lineamenti del viso di una persona con questo tipo di disturbo.

Il trattamento del prognatismo mandibolare, o progenismo, risolve problemi funzionali, come disagio durante la masticazione, dolore all’articolazione temporo-mandibolare e migliora persino la dizione del paziente (che in molti casi si manifesta con difficoltà a parlare). Inoltre, dopo l’intervento, si ottengono grandi progressi estetici: i lineamenti del viso risultano più morbidi, fini e armoniosi, eliminando le conseguenze psicologiche dovute alle deformità facciali.

dr. Eduardo Yoiti Isomura
dr. Eduardo Yoiti Isomura

Nel Policlinico Smile, la chirurgia ortognatica viene eseguita dal nostro chirurgo orale e maxillo-facciale, il Dr. Eduardo Yoiti Isomura, che ha più di dieci anni di esperienza nella risoluzione di malocclusioni di classe II e III con successo. Pertanto, se hai domande o hai bisogno di aiuto, non esitare a contattarci con fiducia.

Lascia un commento