Cosa dovete sapere sugli impianti dentali

L’impianto dentale è il metodo migliore e più moderno per sostituire i denti mancanti

La sostituzione dei denti mancanti è importante non solo per l’estetica della bocca, per una maggiore fiducia in se stessi e una migliore qualità della vita ma in primo luogo per la salute. Spesso non siamo nemmeno a conoscenza che perdendo i denti, non perdiamo solo la capacità di masticare il cibo. Nel corso del tempo questo può portare a danni o alla perdita di altri denti, “sparizione” dell’osso mandibolare fino a gravi problemi di salute in generale.

L’impianto dentale come un sostituto artificiale della radice del dente è una soluzione che è stata usata per più di 50 anni ed è considerato il metodo più efficace di trattamento. Nonostante il grande sviluppo dei materiali e tecnologie in implantologia, dovete sapere che l’inserimento degli impianti (che servono come ancoraggio dei denti artificiali) è un processo complesso, relativamente costoso e talvolta abbastanza lungo. Un gran numero di fattori influenza il successo dell’intervento ed è quindi estremamente importante che, prima di prendere la decisione di sottoporsi ad un intervento chirurgico, i pazienti ricevano tutte le informazioni necessarie scegliendo un chirurgo orale e una clinica odontoiatrica con cui ci si sente al sicuro.

Chiunque può ricorrere agli impianti dentali? Come faccio a sapere se è la soluzione giusta per me?

Come regola generale, tutti i pazienti idonei a procedure chirurgiche orali generiche possono sottoporsi ad intervento di implantologia dentale. Sarebbe ideale di avere gengive sane e ossa abbastanza solide per sostenere l’impianto, di essere pronto a mantenere una buona igiene orale e fare controlli regolari. Anche se in pratica abbiamo raramente una situazione ideale e pazienti completamente sani senza ulteriori problemi, nella maggioranza dei casi è ancora possibile accedere all’impianto dentale. A volte è necessario eseguire ulteriori trattamenti, come l’estrazione del dente, aggiunta dell’osso artificiale o rigenerazione dei difetti ossei.

I pazienti con condizioni cliniche o di altro tipo che possano interferire con il processo di guarigione dell’osso o dei tessuti molli devono fare attenzione in caso di intervento di implantologia dentale. Per esempio i fumatori accaniti, chi soffre di patologie connettivali, chi è sottoposto a terapia steroidea o soffre di infezioni ossee, di diabete o malattie cardiache etc., deve valutare con cura, insieme al proprio dentista, i potenziali rischi o eventuali benefici dell’uso degli impianti dentali.

Lo stesso vale per tutti gli altri – se l’impianto è la soluzione adatta a voi, può essere valutato solo dopo una procedura diagnostica che coinvolge la radiografia panoramica, la visita odontoiatrica dettagliata e le consultazioni con un dentista o un chirurgo orale.

Qual’ è la procedura di inserimento dell’impianto? Quanto dura un intervento? E’ doloroso?

Dopo una prima visita e la procedura diagnostica che tranne la radiografia panoramica dovrebbe coinvolgere anche la TAC 3D per ottenere una visione più dettagliata, il passo successivo è quello di fare un piano di trattamento individuale. La soluzione consigliata dovrebbe essere quella che meglio soddisfa le vostre esigenze specifiche mentre il chirurgo dovrebbe spiegarvi in dettaglio perché questa è la soluzione migliore per voi, quali sono i suoi vantaggi e svantaggi, e avvisarvi di rischi potenziali.

Il terzo passo è l’inserimento dell’impianto, cioè l’intervento chirurgico-orale in cui uno o più impianti vengono inseriti nell’arcata. A seconda del numero degli impianti, il processo dura tra 15 e 45 minuti ed è completamente indolore perché è fatto in anestesia locale. Per la maggior parte dei pazienti, l’inserimento degli impianti è molto meno doloroso che l’estrazione dei denti. Per i pazienti che, a causa della paura o per altri motivi non possono sopportare l’anestesia locale, vi è la possibilità di eseguire un intervento chirurgico in sedazione o anestesia totale con la presenza di anestesisti.

Subito dopo l’intervento possono verificarsi gonfiore e lieve dolore che vengono trattati con impacchi freddi e antidolorifici. Tutti i pazienti chirurgici delle cliniche Smile con le istruzioni ricevono anche tutto il necessario per la cura post-operatoria a casa.  Questa include analgesici (antidolorifici), antibiotici, ghiaccio sintetico e set per l’igiene orale – spazzolino morbido speciale (chirurgico), spazzolino interdentale, gel antibiotico e collutorio.

Il periodo post-operatorio dura tra 8 e 16 settimane. Il processo con cui una vite sita nell’osso e lasciata riposare, cioè non sottoposta a carico, si integra nell’osso si chiama l’osteointegrazione. Una volta che l’impianto risulta ben integrato, si mettono i monconi (ing. Abutment) – la parte dell’impianto che serve a supportare direttamente o indirettamente il restauro protesico (corona, ponte o protesi). Durante l’osteointegrazione il paziente di solito ha un ponte provvisorio o protesi, in modo che in questo periodo non cambi il suo stile di vita. Anche se con i denti provvisori il paziente può mangiare tutto, si deve fare attenzione a non mordere le cose estremamente dure come ossa, noccioli di frutta o noccioline, e tutte le cose che possono danneggiare i denti sani naturali. In un certo numero di pazienti la condizione dell’osso e dei tessuti molli dopo l’intervento di implantologia non consente di mettere i denti provvisori.

Dopo l’inserimento dell’impianto segue la realizzazione di un restauro protesico – corone, ponti o protesi, cioè i vostri nuovi denti.

Alla fine dovreste avere i denti che per il loro aspetto, la funzione e la sensazione sembrano denti naturali. Di solito l’intero processo dal momento della prima visita fino ad un nuovo sorriso dura da tre a sei mesi.

Inoltre, nella clinica Smile il procedimento comprende i controlli periodici e alcune procedure e terapie aggiuntive che accorciano la durata del procedimento, riducono i rischi ed aumentano il successo dell’impianto.

C’è una soluzione più veloce?

Sì, c’è una procedura nuova, chiamata l’implantologia computer guidata (guided implant surgery) – è una metodologia che consente di pianificare al computer l’intervento implantologico, fabbricare una dima chirurgica che guidi l’inserimento degli impianti nelle ossa mascellari del paziente sfruttando al meglio la disponibilità ossea e porre in essere, così, interventi mininvasivi con risultati ottimali quanto predicibili. E’ più costosa della chirurgia convenzionale ma ha diversi vantaggi: è molto più veloce, più sicura e con risultati prevedibili perché l’aspetto finale è visibile anche nella fase di “design”.

La clinica Smile, come leader nell’introduzione di nuove tecnologie, offre anche questo servizio.

Qual è il costo di un impianto?

Il prezzo di un impianto che viene inserito nell’osso varia a seconda del produttore (marchio) dell’impianto. Il prezzo totale comprende il costo dei materiali – l’impianto stesso, il suo moncone (il collegamento tra l’impianto e una corona o un ponte) e il lavoro protesico (corone, ponte o protesi) ma anche il prezzo dell’intervento, procedure e servizi necessari per la qualità e la soluzione permanente al problema riscontrato. A seconda delle condizioni dell’arcata, questo può comprendere anche l’inserimento dell’osso artificiale o la rigenerazione dell’osso, il trattamento gengivale o la terapia con le cellule staminali ed è quindi impossibile stimare il prezzo finale prima di fare una prima visita e sviluppare un piano di trattamento individuale.

La scelta del materiale di cui sarà fatto il lavoro protesico (metallo ceramica, zirconio ceramica o ceramica ibrida) avrà un impatto principalmente sul l’aspetto estetico dei vostri nuovi denti e con questa scelta possiamo influire sul prezzo finale. Per il resto dovreste lasciarvi ai consigli del chirurgo in cui avete fiducia.

Dal costo di un impianto è molto più importante il costo complessivo dell’intero procedimento calcolato sulla base di una procedura diagnostica e il piano di trattamento individuale. Si deve altresì prestare particolare attenzione al comprendere appieno quali sono tutti i costi compresi e per assicurarsi che non ci saranno alcuni costi aggiuntivi.

Perché i prezzi in Croazia sono inferiori a quelli in Italia, Slovenia e Svizzera? Questo significa che si utilizzano i materiali meno costosi?

Lo standard di vita in Croazia è ancora inferiore rispetto ai paesi dell’Europa Occidentale, il che significa minori costi per gli stipendi dei dipendenti e in generale minori costi operativi. Inoltre, un gran numero di pazienti che possiamo ricevere e trattare significa che siamo in grado di operare con successo e con minori margini sul costo dei materiali entrati.

Il prezzo più basso non significa l’utilizzo di materiali di bassa qualità. La Croazia non ha l’industria delle attrezzature odontoiatriche e dei materiali, tutti i materiali che utilizziamo (e abbiamo usato prima dell’adesione della Croazia alla UE) hanno la certificazione CE e sono conformi alle norme CE.

Nella Smile prestiamo particolare attenzione alla scelta dei materiali e probabilmente, utilizziamo i materiali che sono migliori di quelli usati nella maggior parte delle cliniche nell’UE. Utilizzando i materiali di più alta qualità dei produttori rinomati mondiali si elimina il rischio di complicanze. Siccome diamo la garanzia ai nostri pazienti per tutti i lavori e i materiali, la riparazione dei danni causati dall’uso dei materiali di scarsa qualità come anche le relative spese di viaggio e alloggio, sarebbero a carico nostro. Per noi il più conveniente è il più costoso.

Scoprite perché siamo una delle cliniche più care in Croazia.

Quali tipi di impianti esistono? Come faccio a sapere se gli impianti offertimi sono di alta qualità?

Al mercato ci sono più di 60 produttori di impianti, ma i 5 più grandi occupano quasi il 70% del mercato. Ogni studio dentistico di solito opera con uno o due sistemi di impianti, o uno o due marchi di impianti. La clinica Smile dispone di solo un sistema, i più noto nel mercato mondiale, Straumann. Straumann, come la più grande impresa nel mercato, è nota per la sua esperienza e la tradizione di questi prodotti premium.

Oltre al produttore (marchio), gli impianti variano per forma, dimensioni e struttura. Ciò significa che il marchio più costoso non è sempre la soluzione migliore per il paziente. Un chirurgo orale con esperienza è colui che può valutare quale impianto sia il migliore per la vostra situazione specifica. Nella sua decisione il chirurgo prende in considerazione diversi criteri – quale forma è migliore, se l’impianto ha alcune caratteristiche aggiuntive, com’è la struttura della sua superficie, se la parte superiore dell’impianto è progettata per preservare danno osseo…

Per quanto riguarda la produzione dei materiali, oggi la maggior parte degli impianti sono realizzati in titanio di purezza 3 o 4 e con grande certezza possiamo dire che durerà in eterno. Se l’impianto verrà accettato con successo e sarà stabile a lungo termine, dipende da molti fattori ma uno dei più importanti è la struttura e il trattamento superficiale degli impianti. Ogni produttore tratta gli impianti in diversi modi – gli impianti MegaGen hanno una superficie di calcio ionizzato che si è dimostrato di essere estremamente efficace per accelerare la fusione dell’impianto con tessuto osseo.

Prima di prendere una decisione definitiva è importante assicurarsi di ottenere la certificazione degli impianti che contiene tutti i dati degli impianti inseriti compresa anche la garanzia.

Quale la garanzia sugli impianti?

I produttori offrono una garanzia sugli impianti, e questa è a vita per gli impianti in titanio di più alta qualità ma si riferisce esclusivamente alla durabilità del materiale dell’impianto stesso. Tuttavia, se l’impianto verrà accettato con successo nell’osso del paziente e quanto sarà permanente l’intero lavoro dipende dall’esperienza e la competenza del chirurgo e dalla regolarità dell’igiene orale dopo l’intervento. Pertanto la clinica Smile offre una garanzia a vita per gli impianti a patto che si facciano i controlli regolari. Senza le visite di controllo, la garanzia non è valida.

Ogni quanto devo fare la visita del controllo?

I regolari controlli devono essere effettuati in primo luogo per la vostra sicurezza. La prima visita di controllo è 3 mesi dopo l’intervento, poi ogni 6 mesi per un periodo di due anni e successivamente almeno una volta all’anno. Il dentista può richiedere i controlli più frequenti, ad esempio, ogni 3 mesi, a seconda della valutazione del rischio per lo sviluppo di perimplantite.

Come mantenere gli impianti?

Gli impianti sono più sensibili di denti naturali e quindi dobbiamo prestare particolare attenzione per mantenerli nel lungo termine. Pertanto nella Smile attribuiamo una grande importanza alla consultazione e l’educazione del paziente. Prima dell’intervento spieghiamo attentamente ai pazienti come e quanto spesso devono pulire gli impianti e quali mezzi usare.

Quali sono i rischi più comuni dovuti all’inserimento di impianti dentali?

Come con qualsiasi procedura chirurgica, anche in chirurgia orale e implantologia c’è sempre un rischio di complicanze.

Possibili complicanze come danni e lesioni ai tessuti circostanti, nervi, vasi sanguigni o alle ossa sono una conseguenza “meccanica” dell’intervento. I danni ai nervi possono causare dolore, intorpidimento o sensazione di formicolio nelle gengive, labbra o le guance. Una perforazione della membrana del seno mascellare all’inserimento dell’impianto può anche causare problemi e inconvenienze come ad esempio l’infiammazione dei seni paranasali (sinusite), dolore o congestione sinusale che rende difficile respirare.

Le altre complicanze si verificano a causa di un’infezione che può verificarsi durante l’intervento ma anche nel periodo di recupero come conseguenza dell’intervento mal eseguito, il controllo post operatorio inadeguato o scarsa igiene orale. Ciò può comportare vari problemi di salute, rallentare il processo di osteointegrazione o nel caso peggiore, il rigetto dell’impianto. Tuttavia, il rischio più grande è il rischio di perimplantite – una malattia che secondo alcuni studi colpisce fino al 25% dei pazienti e che anche come il risultato finale può avere una perdita dell’impianto.

Nel mondo ogni anno 2-3% degli interventi implantologici comportano danni al sistema nervoso, mentre nella clinica Smile non abbiamo mai avuto un caso del genere. Perché’? Per una diagnosi accurata e tutte le altre tecnologie necessarie che abbiamo nella nostra clinica ma anche per la competenza e l’esperienza eccezionale dei nostri chirurghi orali. Questa competenza ed esperienza sono fondamentali per evitare complicanze, o se verificatesi, per riparare con successo le loro conseguenze.

Dalla lunga esperienza possiamo tranquillamente dire che la cosa più importante per l’inserimento degli impianti e una risoluzione permanente del vostro problema con un minimo rischio è quella di scegliere il chirurgo orale e la clinica odontoiatrica per i quali si è sicuri di avere completa fiducia.

Avete ulteriori domande o dubbi da chiarire?
Chiamateci al numero verde 800 177 500
o inviateci una richiesta per fissare l’appuntamento.